s

SOMMARIO DI QUESTO NUMERO

 
   
  • L’agopuntura nella fibromialgia: uno studio randomizzato, controllato sulla risposta immediata sul dolore.

 
  • Effetto dell’Agopuntura su KI9 (Zhubin) nel ridurre il desiderio di bere in pazienti alcol-dipendenti: un trial randomizzato.
 
  • L’efficacia e la sicurezza della auricoloterapia applicata nelle strutture di primo livello in pazienti con dolore cronico alla colonna ad eziologia non specifica: uno studio multicentrico, randomizzato e controllato.
 
  • Gli effetti dell’agopuntura dopo chirurgia tiroidea: un trial randomizzato e controllato.
 
  • Modelli differenti di attivazione nell’encefalo deprivato ??del sonno valutati con la Risonanza Magnetica Funzionale (fMRI): ripristino con l’Agopuntura.
 
  • L’agopuntura riduce l’attività della matrice metalloproteasi-2 nei pazienti con emicrania.
 
  • Il De Qi, una soglia dell’intensità dello stimolo, suscita la risposta specifica degli agopunti e variazioni intrinseche del cervello umano in risposta all’agopuntura.
 
  • Una valutazione economica comparativa di 6 anni su costi sanitari e tasso di mortalità relativa a medici di medicina generale convenzionale e complementare.
 
  • Congressi, Eventi e Seminari.
 
 
   
 

Direttore Responsabile

Carlo Maria Giovanardi

Capo Redattore
Giuseppe Lupi

Comitato di Redazione

Maria Letizia Barbanera
Patrizia Betti
Ermina Caldiron
Elisabetta Casaletti
Gemma D'Angelo
Giuseppina Maria Farella
Davide Guidetti
Vittorio Mascherini
Carlo Moiraghi
Filippo Molinari
Tiziana Pedrali
Alessandra Poini
Emanuela Romeo
Riccardo Rustichelli
Cristian Succi

 

 
   
   
   
 

Modelli differenti di attivazione nell’encefalo deprivato ??del sonno valutati con la Risonanza Magnetica Funzionale (fMRI): ripristino con l’Agopuntura.

Abstract

Alcuni precedenti studi hanno suggerito che l’Agopuntura ha un ruolo importante nel ripristino dei meccanismi che si alterano durante l’insonnia e, per tale motivo, è stata utilizzata in tale patologia empiricamente e clinicalmente. In questo studio, abbiamo utilizzato la Risonanza Magnetica Funzionale (fMRI) per verificare il ruolo dell'agopuntura nella privazione del sonno (SD).

Sono stati arruolati nello studio sedici volontari sani (8 maschi e 8 femmine); sono stati suddivisi in tre gruppi. Tutti i pazienti sono stati sottoposti a valutazione dello stato del sonno basale con fMRI.

Il primo gruppo, costituito da individui con sonno normale, è stato sottoposto ad agopuntura su SP6 Sanyinjiao (gruppo NOR), e gli altri due gruppi, dopo 24 ore di SD totale, hanno ricevuto l’uno l'agopuntura su SP6 (gruppo SD) e l’altro un trattamento di Sham-agopuntura (gruppo Sham). Le sessioni si sono protratte per circa due settimane. Gli stimoli dati dall’Agopuntura hanno suscitato in maniera significativa diversi pattern di attivazione nei tre gruppi. Nel gruppo NOR sono stati attivate le seguenti zone: il lobo temporale destro superiore, il lobo parietale inferiore sinistro e il gyrus postcentrale sinistro. Nel gruppo SD, sono stati attivati ??in modo significativo: la corteccia cingolata anteriore, l’insula bilaterale, i gangli basali sx e il talamo. Nel gruppo Sham si sono attivati: il talamo bilaterale e il cervelletto sx. Diversi patterns di attivazione suggeriscono un ruolo unico dell’agopuntura su SP6 nell’insonnia. Tale agopunto suscita delle attivazioni più rilevanti ed anatomicamente diverse da quelle evocate dalla Sham-Agopuntura. Questi dati possono indicare che il meccanismo di base dell'agopuntura nel ripristinare i circuiti del sonno consista nell’attivazione di un unico circuito autonomo interocettivo.

Gao L, Zhang M, Gong H, et al. Differential activation patterns of FMRI in sleep-deprived brain: restoring effects of acupuncture. Evid Based Complement Alternat Med. 2014;2014:465760. Epub 2014 Jun 15.

Erminia Caldiron


INDIETRO