Se non visualizzi la newsletter Clicca qui

SOMMARIO DI QUESTO NUMERO

 
   
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
   
 

Direttore Responsabile

Carlo Maria Giovanardi

Capo Redattore
Giuseppe Lupi

Comitato di Redazione
Sonia Baccetti
Patrizia Betti
Ermina Caldiron
Elisabetta Casaletti
Francesco Ceccherelli
Gemma D'Angelo
Antonio Losio
Vittorio Mascherini
Annunzio Matrà
Tiziana Pedrali
Alfredo Vannacci

 
   
   
   

Sergio Perini - Un Medico in Cina - Armando Editore

Quando ho iniziato a leggere il libro dell’amico Sergio Perini, presidente dell’Unione dei Medici Agopuntori Bresciani, mi è sembrato di vivere un déjà-vu.
Il dott. Perini ha più volte oltrepassato la Grande Muraglia, almeno 6 volte dal 1991 ad oggi, non come barbaro invasore, bensì come epigono dello spirito con cui altri italiani hanno cercato di conoscere questa civiltà nei secoli passati.
In tali viaggi, oltre a frequentare, com’era suo scopo precipuo, le corsie ospedaliere di Medicina Tradizionale Cinese, ha anche osservato accuratamente le abitudini di vita di questo popolo.
Al ritorno, si è sempre fatto obbligo di rendere partecipi noi colleghi dell’Unione dei Medici Agopuntori Bresciani di ciò che aveva visto e delle emozioni provate, mediante l’ausilio di presentazioni ricche di bellissime diapositive.
Il ricordo di questi racconti si ravviva scorrendo questo preciso diario di viaggio, redatto in maniera minuziosa, mai pesante per il lettore. Anche attraverso la sola parola scritta, l’autore riesce a creare nella mente di chi legge la suggestione di immagini e meraviglie di un mondo che per molti, medici agopuntori e non, rimane fantastico.
Il transfert di sensazioni non scaturisce nitido come sarebbe dall’osservazione di un’istantanea, ma non si pensi che ciò costituisca un difetto dell’opera. Pur nella precisione descrittiva, i particolari emergono come velati, in un’atmosfera quasi onirica, la cui nota armonica viene confusa da una cacofonia di compresenze che inducono all’introspezione ed all’approfondimento. Tutto è paragonabile agli acquerelli che Sergio ama dipingere e per molti dei quali ha tratto spunto da questi viaggi; il moderno, pur presente, è sempre velato ed in secondo piano rispetto alla bellezza della tradizione.

Antonio Losio

 

 

 
Clicca qui per essere rimosso dalla mailing list