SOMMARIO DI QUESTO NUMERO

 
   
  • L'agopuntura ha ridotto il rischio di ictus tra i pazienti con fibromialgia a Taiwan: uno studio di coorte abbinato a livello nazionale.
   
  • L’agopuntura per la neurogenesi nell’ictus ischemico: una revisione sistematica e metanalisi.

 
  • Studio clinico sulla qualità di vita nei pazienti portatori di degenerazione maculare senile trattati con agopuntura.

 
  • L’agopuntura sul 34GB attiva il giro precentrale e la corteccia prefrontale nella malattia di Parkinson.
 
  • Efficacia dell'agopuntura utilizzata per la gestione della depressione postpartum: una revisione sistematica e una meta-analisi.
 
  • Efficacia dell'agopuntura per la lombalgia cronica aspecifica: una revisione sistematica e una meta-analisi.
 

Evidenze cliniche di collegamento tra l’agopuntura e l’agopressione ed il miglioramento del dolore oncologico: una revisione sistematica e meta-analisi.

Congressi e corsi

 


 
   

Direttore Responsabile

Carlo Maria Giovanardi

Responsabile della Redazione
Tiziana Pedrali

Hanno collaborato a questo numero
Paola Baldini
Maria Letizia Barbanera
Francesco Ceccherelli
Antonello Lovato
Tiziana Pedrali
Domenico Pignone
Stefano Vignali


 
   
   
   
CLINICA

Evidenze cliniche di collegamento tra l’agopuntura e l’agopressione ed il miglioramento del dolore oncologico: una revisione sistematica e meta-analisi.


Background
La ricerca sull’agopuntura, sull’agopressione e sulla loro applicazione per il dolore oncologico è in crescita, i risultati sono però incoerenti.

Obiettivo
Valutare gli attuali studi clinici randomizzati (gli RCT) per evidenziare il collegamento tra l’agopuntura e l’agopressione ed una riduzione del dolore oncologico.

Origine dei dati

Tre banche dati inglesi (PubMed, Embase, e CINAHL) e quattro banche dati biomediche cinesi (Banca dati di Letteratura Biomedica Cinese, Banca dati VIP per Periodici Tecnici Cinesi, Infrastruttura di Conoscenza Nazionale Cinese, e Wanfang) sono state utilizzate per la ricerca degli RCT pubblicati dall’apertura della banca dati fino al 31 marzo 2019.

Scelta dello studio

Sono stati inclusi gli studi clinici randomizzati che hanno paragonato l’agopuntura e l’agopressione ad un controllo placebo, alla terapia analgesica o alla cura usuale per la gestione del dolore oncologico.

Estrazione e sintesi dei dati

I dati sono stati esaminati e selezionati in maniera indipendente utilizzando dei moduli predefiniti. La qualità degli RCT è stata valutata con lo strumento per valutare il rischio di BIAS della Cochrane Collaboration. Il modello degli effetti casuali è stato utilizzato per calcolare la dimensione dell’effetto degli RCT inclusi. La qualità delle evidenze è stata valutata con il metodo GRADE (Grading of Recommendations, Assessment, Development and Evaluation – classificazione di raccomandazioni, stima, sviluppo e valutazione).

Misure e risultati principali
L’esito primario era l’intensità di dolore, misurata dal Brief Pain Inventory (inventario di dolore breve), dal Numerical Rating Scale (scala di valutazione numerica), dal Visual Analog Scale (scala analogica visiva), o dal Verbal Rating Scale (scala di valutazione verbale).

Risultati
Un totale di 17 RCT (con 1111 pazienti) sono stati inclusi nella perizia sistematica, e i dati di 14 RCT (con 920 pazienti) sono stati utilizzati nella meta-analisi.
Sette RCT con controllo Sham (35%) sono stati rilevanti per la loro alta qualità, ritenuti a basso rischio di BIAS per tutti i loro settori e hanno dimostrato che l’agopuntura vera (rispetto al placebo) era collegata ad un’intensità di dolore ridotta (la differenza media [MD], -1,38 punti; 95% CI, da -2,13 a -0,64 punti; I2 = 81%).
Un collegamento positivo era presente anche quando l’agopuntura e l’agopressione sono state unite alla terapia analgesica in 6 RCT per diminuire l’intensità del dolore (MD, -1,44 punti; 95% CI, da -1,98 a -0,89; IC = 92%) e in 2 RCT per diminuire il dosaggio di oppioidi (MD, dose giornaliera equivalente di -30,00 mg di morfina; 95% CI, da -37,5 mg a -22,5 mg).
Il grado di evidenza è stato moderato a causa della considerevole eterogeneità degli studi.

Conclusioni
Questa perizia sistematica e meta-analisi hanno scoperto che l’agopuntura e/o l’agopressione sono state collegate in maniera significativa alla riduzione del dolore oncologico ed all’uso diminuito di analgesici, sebbene il tasso di evidenza fosse moderato. Questo risultato suggerisce come ci sia bisogno di sperimentazioni più rigorose per identificare il collegamento dell’agopuntura e dell’agopressione a determinate tipologie di dolore oncologico e per integrare tali evidenze nel trattamento clinico al fine di diminuire l’uso di oppioidi.

He Y, Guo X, May BH et al. Clinical Evidence for Association of Acupuncture and Acupressure With Improved Cancer Pain: A Systematic Review and Meta-Analysis. JAMA Oncol. 2019;6(2):271-78.

Stefano Vignali

INDIETRO>>