Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza di navigazione possibile. Procedendo ad utilizzare il sito, anche rimanendo in questa pagina, acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookies clicca qui

  • <span>slide </span> 1
  • <span>slide </span> 2!
  • <span>slide</span> 3

Federazione Italiana delle Società di Agopuntura

La F.I.S.A. coordina la maggioranza delle Associazioni, delle Scuole e dei Medici Agopuntori italiani.

Le sue finalitа sono rappresentative, scientifiche, divulgative, formative ed informative.
Questo sito fornisce informazioni su: Associazioni, Scuole, Medici Agopuntori.
Le News, internazionali, nazionali e regionali, hanno carattere sia scientifico, che politico-sindacale.
Se sei interessato all'agopuntura, alla sua pratica e diffusione, ed alle problematiche ad essa correlate, i vari punti del menu, risponderanno a molte delle tue domande.


 

NOTIZIE

"Cattivi scienziati" e pseudoinformazione scientifica in tema di Agopuntura
Ulteriore lettera di risposta al Dott. Enrico Bucci
bucci

Gent.le dott. Bucci,
mi permetto, di rispondere al terzo articolo da lei pubblicato “Una pungente verità 3/3", sulla presunta inefficacia dell'agopuntura nel trattamento del dolore.
L’analisi riguardo all’efficacia dell’agopuntura condotta da Paley e Johnson su Medicina [1] (IF nel 2018: 1.46) riguarda diverse patologie, e prende in analisi 177 revisioni della letteratura eseguite fra il 1989 e il 2019.

Viene spontaneo osservare che
- le patologie prese in analisi sono molto diverse fra loro, difficilmente comparabili, e sono state selezionate in base a un criterio che non viene esplicitato
- 177 revisioni sono state scelte con dei criteri di eligibilità valutati soggettivamente dai ricercatori
Nonostante questa ‘selezione’ del materiale e l’ampio spettro dei disturbi osservati, gli Autori non concludono affermando l’inefficacia dell’agopuntura, ma sottolineando il fatto che:
1. I risultati dei numerosi trials non danno un risultato certo;
2. I risultati fra loro a volte confliggono (… non sorprende se si considera il fatto che le patologie esaminate sono estremamente diverse) e questo – loro stessi ammettono - in parte a causa di difetti dal punto di vista metodologico;
3. Alla luce di quanto sopra gli Autori suggeriscono di eseguire ulteriori RCTs per superare queste carenze metodologiche.

E’ più che auspicabile che vengano eseguiti ulteriori trials per dimostrare l’efficacia del trattamento con agopuntura, ma – nell’attesa – bisogna riconoscere che anche questa meta-analisi NON decreta l’inefficacia dell’agopuntura, bensì semplicemente ne constata la difficoltà – degli studi analizzati – di giungere a conclusioni univoche, e questo non avviene solo per l’agopuntura ma bensì anche per molti trattamenti convenzionali.

E’ vero che alcuni risultati sono contraddittori, ma questo problema è dovuto all’applicazione di una metodologia non corretta e in particolare sull’uso della sham agopuntura come controllo.
Gli studi sull’efficacia dell’agopuntura nel dolore hanno evidenziato che quando l’agopuntura vera è paragonata all’usual care (es. terapia farmacologica) l’effetto specifico è pari a 0.5 mentre scende a 0.2 quando l’agopuntura vera è confrontata con la falsa agopuntura, questo perché la falsa agopuntura non è un controllo inerte! [2]
Le ricordo che l’effetto specifico pari a 0.2, se le può sembrare basso, è pressoché sovrapponibile a quello dei FANS normalmente utilizzati [3], ma con un profilo in termini di sicurezza e minor effetti collaterali nettamente a favore dell’agopuntura.

Riguardo il controllo, Bucci lei è in grado di dimostrare in base alle sue conoscenze e alla letteratura scientifica pubblicata, che stimolare un qualsiasi punto della cute al di fuori dei punti canonici dell’agopuntura con aghi o la pressione non provochi alcuna risposta biologica? La risposta è no.

"Cattivi scienziati" e pseudoinformazione scientifica in tema di Agopuntura
Lettera di risposta al Dott. Enrico Bucci

Gent.le dott. Bucci,
mi permetto, in merito a “Una pungente verità 2/2", di contestare la sua analisi piena di bias, fortemente condizionata da pregiudizi, utile solo a creare una voluta disinformazione.
Ma vediamo alcuni punti:

1. “Per la nostra analisi, vorremmo considerare tutta la massa di evidenza clinica disponibile fino al 2019; allo scopo, dunque, considereremo le meta-analisi e le review sistematiche ….e le meta-reviews…. pubblicate nel 2019”.
Quindi lei esprime un giudizio globale sull’efficacia dell’agopuntura soltanto valutando l’ultimo anno? E i lavori pubblicati negli anni precedenti?
E’ come se mi chiedessero, per fare un esempio calcistico, una valutazione globale sui risultati della squadra di calcio del Bologna. Se la valutazione fosse ristretta al solo campionato 2013 -14 dove è retrocessa in serie B, questa non potrebbe che essere negativa, ma qualora dovessimo valutare i risultati da quando ha iniziato la sua attività in campionato, con i suoi 7 scudetti vinti, la mia valutazione sarebbe molto positiva!
Estrapolando quindi dalla letteratura solo quello che le era congeniale, non ha citato molte metanalisi e revisioni sistematiche, tra le quali ad esempio: Acupuncture for Chronic Pain: Update of an Individual Patient Data Meta-Analysis (Vickers AJ 2018) [1] , Acupuncture for the prevention of episodic migraine. Cochrane Database of Systematic Reviews (Linde 2016) [2] e Acupuncture for the prevention of tension-type headache. Cochrane Database of Systematic Reviews (Linde 2016) [3] tutte favorevoli all’ agopuntura.

2. Trai 29 lavori da lei selezionati ha citato un articolo dove è utilizzato il Dry Needling e non l’agopuntura: The effectiveness of dry needling for patients with orofacial pain associated with temporomandibular dysfunction: a systematic review and meta-analysis. [4]
Il Dry Needling in comune con l’agopuntura ha solo l’infissione degli aghi nei punti trigger. L’inserimento in tale contesto ha un effetto puramente confondente.

3. …. alcune fra le pesanti limitazioni identificate dagli stessi autori: la dimensione media degli studi clinici inclusi nel campione considerato, per esempio, è di 99 individui (includenti sia il gruppo trattato che quello di controllo).
La meta analisi di Vickers considera 39 studi per un totale di 20.827 pazienti, le due della Cochrane precedentemente citate, considerano rispettivamente 22 studi con 4985 pazienti e 12 studi con 2349 pazienti! Perché sono state escluse?

icmartFISA è diventata membro di ICMART (International Council of Medical Acupuncture and Related Techniques),organizzazione mondiale di Agopuntura Medica e tecniche correlate.

 ICMART è stata fondata a Vienna nel 1983 e raccoglie più di 80 associazioni mediche in tutto il mondo e oltre 35000 medici che praticano agopuntura e tecniche correlate.

 



rete organizzativaCon piacere pubblichiamo l'articolo "La F.I.S.A. Federazione Italiana Società di Agopuntura: un modello di organizzazione a rete per “formazione scientifica”, pubblicato sulla rivista Olos e Logos a firma della dott.ssa Stefania Giuliani (Funzionario P.A Master Università degli Studi Bicocca di Milano, in “Sistemi sanitari, medicine tradizionali e non convenzionali”)

Nell'articolo si legge:

 


 

ago450Grazie a una ricerca condotta dalla FISA che ha coinvolto i 106 OMCeO provinciali, la Federazione Italiana delle Società di Agopuntura offre un quadro ufficiale e dettagliato dei medici agopuntori iscritti agli ordini in Italia. 

In allegato l’articolo del Dott. Roberto Tognella uscito sulla rivista Medicina Integrata relativo alla ricerca condotta dalla FISA per il censimento dei medici agopuntori in Italia. Il Dott. Giovanardi, presidente FISA, spiega lo sviluppo e l'importanza di questo censimento.


 

wfcms

ll Congresso Mondiale della Medicina Tradizionale Cinese organizzato dalla Federazione Mondiale delle Società della Medicina Cinese (WFCMS) è un evento accademico ad alto livello, con un'ampia partecipazione nell’ambito della MTC. Finora si è svolto con successo in Cina, Francia, Canada, Singapore, Macao, Australia, Olanda, Regno Unito, Malesia, Stati Uniti, Russia, Spagna, Nuova Zelanda e Tailandia. Durante il XV° Congresso Mondiale della Medicina Tradizionale Cinese, si terrà in contemporanea la Settimana della Cultura della Medicina Tradizionale Cinese dell’iniziativa “OneBelt and One Road” per fornire un'ampia piattaforma per lo sviluppo della medicina tradizionale cinese in Europa.

Il XV° Congresso Mondiale della Medicina Tradizionale Cinese e la Settimana della Cultura della Medicina Tradizionale Cinese dell’iniziativa “One Belt and One Road” si terranno a Roma il 17-18 novembre 2018. Durante l'evento, esperti, studiosi della medicina tradizionale cinese, funzionari governativi e imprenditori di tutto il mondo condivideranno le loro ricerche teoriche, le esperienze cliniche, i risultati delle ricerche scientifiche, le nuove invenzioni e creazioni. Durante il congresso ci saranno le esposizioni di prodotti industriali, commerciali e servizi per la medicina tradizionale cinese. Saranno organizzate anche varie attività di studio e ricerca accademica.
La FISA partecipa attivamente con molti consiglieri gestendo una sessione domenica 18 novembre dalle ore 9 alle 12 nella sala Trinità dei Monti sul tema Agopuntura e Oncologia:

Relatori:
Carlo Maria Giovanardi, Paola Poli, Carlo Moiraghi, Alessandra Gulì, Franco Cracolici ,Natour, Lucio Sotte, Sonia Baccetti, Alessandra Poini, Sergio Perini


 

Pubblichiamo le precisazioni del Presidente della FISA, dott. Carlo Maria Giovanardi, riferite al libro bianco pubblicato dall'Istituto Superiore di Sanità "Emicrania, una malattia di genere: il Libro Bianco dell’ISS".

In tale libro, non è infatti citata tra le terapie di profilassi per le cefalee l'agopuntura, terapia efficace, la cui validità è ampiamente consolidata dal punto di vista Evidence Based.

 OGGETTO: Emicrania, una malattia di genere: il Libro Bianco dell’ISS

Ill.mo Presidente Prof. Gualtiero Ricciardi,

Le scrivo in merito al Libro Bianco a cura dell’Istituto Superiore di Sanità “Emicrania: una malattia di genere”.

Nel capitolo dedicato all’impatto socio-economico dell’emicrania in Italia e alla terapia dell’emicrania non si fa nessun riferimento alle terapie non farmacologiche, in particolare all’Agopuntura.

A tal riguardo le esprimo alcune considerazioni e riflessioni:

• l’Agopuntura nella cura dell’emicrania è un trattamento efficace. La sua efficacia è pari se non superiore a quella dei farmaci abitualmente utilizzati nel prevenire gli attacchi di emicrania. Questi sono i dati di trials clinici e revisioni sistematiche presenti in letteratura, a titolo esemplificativo la invito a leggere i risultati delle revisioni Cochrane del 2016.

• l’Agopuntura nel trattamento dell’emicrania ha un profilo di sicurezza nettamente migliore rispetto ai farmaci e anche per questo l’invito a leggere, sempre a titolo esemplificativo, il confronto tra Agopuntura e topiramato in termini di efficacia e di effetti collaterali sia per la numerosità degli eventi sia per la loro gravità, pubblicato su Cephalalgia del 2011.

• l’Agopuntura ha un buon rapporto costo-efficacia ed è in grado di far risparmiare risorse economiche, BMJ 2004 .

• l’Agopuntura è inserita come trattamento efficace nelle linee guida italiane per la cura dell’emicrania.


 

In ricordo di Giovanni Maciocia 

giovanni maciocia 


Giovanni non è più fra noi.

Da più di venticinque anni ho avuto il privilegio di conoscerlo ed essergli amico.
Con il suo affetto mi ha fatto sentire parte della sua vita, condividendo con lui momenti di grande amicizia e confidenza.

Giovanni è stato per tutti un maestro, “Il Maestro”, che ci ha condotto sulla strada dell’approfondimento della Medicina Cinese e ci ha insegnato che la modestia è la virtù dei veri insegnanti e dei grandi uomini.

Mi ha concesso il privilegio di tradurre le edizioni italiane della maggior parte dei suoi scritti.

Giovanni è stato il più grande divulgatore dell’Agopuntura e della Medicina Cinese, punto di riferimento dei più importanti insegnanti che ho avuto l’occasione di incontrare nella mia vita professionale.

Era rispettato e ammirato da tutti coloro che lo conoscevano non solo per la sua unica conoscenza della Medicina Cinese, ma per la sua grande umanità e gentilezza.

I suoi testi approfonditi e accurati, ma semplici e chiari nell’esposizione, hanno reso accessibile e comprensibile questa millenaria arte medica, permettendo a decine di migliaia di studenti in tutto il mondo di diventare valenti agopuntori e appassionati di Medicina Cinese.

Senza di lui l’Agopuntura non sarebbe stata quella che oggi noi conosciamo, noi non saremmo ciò che siamo.

Comunicato FISA in merito alla trasmissione Presa Diretta del 3 marzo 2018, con particolare riferimento a quanto espresso dal Prof. Walter Ricciardi - Presidente dell' Istituto Superiore di Sanità

presa diretta 3marzo2018 


Gent.le Dott. Riccardo Iacona,
le scrivo in merito alla puntata di sabato 3 marzo avente per tema l’omeopatia. Nel corso della puntata, a seguito dello spazio dedicato all’esperienza dell’Ospedale di Pitigliano, il Prof. Walter Ricciardi Presidente dell’Iss, deplorava la presenza dell’omeopatia e dell’agopuntura in un ospedale pubblico. Di seguito vorrei fare alcune osservazioni:

- l’agopuntura per alcune indicazioni cliniche quali ad esempio il trattamento delle cefalee ha solide prove di efficacia, come documentato dalle ultime revisioni Cochrane del 2016. http://www.cochrane.org/CD001218/SYMPT_acupuncture-preventingmigraine-attacks

- ampia è la letteratura scientifica sui meccanismi d’azione dell’agopuntura che spiegano la sua efficacia. Questi vanno dall’attivazione di riflessi nervosi alla modulazione di neurotrasmettitori (endorfine, encefaline, dopamina, ecc);

- è dimostrato che l’agopuntura in molte patologie croniche a grande impatto sociale, non solo è efficace ma un rapporto costo efficacia positivo, in altre parole fa risparmiare risorse economiche. Wonderling D, Vickers AJ et al. Cost effectiveness analysis of a randomized trial of acupuncture for chronic headache in primary care. BMJ 2004 Mar 27;328(7442):747

- è per tale ragione che l’agopuntura è utilizzata diffusamente, anche in ambito pubblico, in molte regioni italiane e in alcune rientra nei LEA regionali (es. Toscana ed Emilia Romagna);

Articolo del Presidente FISA, Dott Carlo Maria Giovanardi, pubblicato sul sito del British Acupuncture Council al link, in risposta al recente articolo pubblicato su JAMA, Effect of Acupuncture vs Sham Acupuncture on Live Births Among Women Undergoing In Vitro Fertilization

Quale può essere il contributo scientifico quando la metodologia presenta così tanti limiti?

Caro Editore,
Sono il Presidente della Federazione Italiana delle Società di Agopuntura (F.I.S.A.) e dell’Associazione dei Medici Agopuntori di Bologna (A.M.A.B.), e le scrivo per rispondere all’articolo Effect of Acupuncture vs Sham Acupuncture on Live Births Among Women Undergoing In Vitro Fertilization di Caroline A. Smith et al., pubblicato da JAMA nel mese di maggio 2018.
Gli autori stessi individuano cinque limiti del loro studio e, nonostante questi, raggiungono una conclusione esposta in modo chiaro e inappellabile (‘These findings do not support the use of acupuncture when administered at the time of oviarian stimulation and embryo transfer to improve the rate of live births’), conclusione che non lascia alcun dubbio rispetto alla totale inefficacia dell’agopuntura quando si tratta di migliorare il tasso di natalità nelle donne che si sottopongono alla fecondazione in vitro. Possiamo quindi dire che un’affermazione così forte e categorica è supportata da uno studio i cui limiti sono stati sì identificati, ma non superati.
Sono certo che concorderemo tutti su un punto: un articolo scorretto dal punto di vista metodologico porta a dei risultati fuorvianti che condizionano le scelte sia dei medici che dei pazienti; per questo motivo mi chiedo come tali conclusioni possano essere d’aiuto per i medici e i pazienti che decidono di scegliere l’agopuntura come terapia.
Questo non è comunque il punto principale sul quale vorrei concentrare la mia riflessione.
La mia analisi parte dal principio ampiamente accettato secondo il quale nessuna stimolazione cutanea è inerte, il che implica che l’agopuntura sham’ non può essere inerte: qualunque stimolazione cutanea provoca delle risposte a livello del sistema centrale e di quello periferico (Birch S., A review and analysis of placebo treatments, placebo effects, and placebo controls in trials of medical procedures when sham is not inert, J Altern Complement Med, 2006). Sono stati infatti osservati degli effetti, seppur diversi come entità, dopo la sham senza aghi e dopo la sham con o senza inserimento degli aghi (MacPherson H., Influence of control group on effect size in trials of acupuncture for chronic pain: a secondary analysis of an individual patient data meta-analysis, PLos One, 2014).
Gli autori affermano che l’agopuntura sham può avere degli effetti deboli dal punto di vista fisiologico e sostengono che è stato dimostrato che l’ago sham stimola un’attività cerebrale diversa da quella stimolata dall’agopuntura: questo significa che loro stessi riconoscono e accettano il fatto che il trattamento sham non è inerte.


 

In ricordo di Ettore Quirico

ettore 


Ettore ci ha lasciato.

Da quando l’ho saputo è tutto un susseguirsi di immagini e di ricordi che almeno per ora non mitigano il dolore, anzi lo amplificano.
Ettore era una persona piena di passione per la vita.
Ho avuto la fortuna di condividere con lui questi lunghi anni di battaglie per il riconoscimento dell’agopuntura nel nostro Paese: l’intervento presso il Comitato Centrale della FNOMCeO a Terni, le audizioni presso le Commissioni parlamentari, gli incontri al Ministero e all’Istituto Superiore di Sanità e tantissimi altri momenti.
Ci siamo confortati l’un l’altro nelle sconfitte e gioito assieme per i risultati ottenuti.
Lo ricordo felicissimo per l’approvazione dell’accordo Stato-Regioni per la regolamentazione della formazione in agopuntura e per l’accreditamento della sua scuola, una delle sue creature.
Si, perché la didattica era un’altra sua passione che ha sempre esercitato con capacità ed entusiasmo non comuni.
Tutta l’agopuntura italiana deve tanto a Ettore, molte delle conquiste raggiunte non le avremmo mai avute senza le sue capacità e il suo lavoro.
Caro Ettore, ti ringrazio per la tua fraterna amicizia, per la tua lealtà e il tuo affetto.
Sono certo che l’amore di Tiziana, di Lara e di Ambra che ti ha accompagnato in questi mesi di malattia, sia stato un conforto insostituibile.
Rimarrai vivo per sempre dentro di noi.
Ti ho voluto bene, ti abbiamo voluto bene.
Ciao Ettore.

Carlo Maria Giovanardi
Presidente FISA (Federazione Italiana delle Società di Agopuntura)


Parere del Consiglio Superiore di Sanità sulla competenza del fisioterapista all'esecuzione della tecnica del dry needling

fisa 

 

Siamo orgogliosi di pubblicare il parere espresso dal Consiglio Superiore di Sanità in merito alla pratica del Dry Needling ad opera dei Fisioterapisti.
La FISA nella persona del suo Presidente, dott. Carlo Maria Giovanardi, e dei suoi Consiglieri, ha lottato per ben 3 anni affinché l'istanza di revisione del precedente parere, che prevedeva che i fisioterapisti potessero effettuare la pratica del dry needling in presenza di un medico, venisse accolta. A fianco di SIMFER ( Società Italiana di Medicina Fisica e Riabilitativa) e SIRN (Società Italiana Riabilitazione Neurologica), con l'intercessione del Presidente della FNOMCEO, dott.ssa Chersevani e del Sen. Maurizio Romani, grazie anche al contributo del Presidente dell'Ordine dei Medici di Bologna, Dott Giancarlo Pizza, e di Milano, Dott Roberto Carlo Rossi, oggi possiamo leggere quanto segue:
Con riferimento alle richieste pervenute a questa amministrazione da parte dei codesti Ordini e Società Scientifiche in indirizzo relative ad una revisione del parere del Consiglio Superiore di Sanità emesso nella seduta del 2013 si comunica quanto segue.
La scrivente a seguito delle anzidette istanze, con relazione a firma dell'On. Ministro, ha formulato una richiesta di riesame di tale parere al Consiglio Superiore di Sanità.
Il Consiglio medesimo si è espresso a Sezioni Congiunte II e V nella seduta del 13 giugno 2017 con il parere allegato ritenendo che "la pratica del dry needling, pur con le già riferite limitazioni scientifiche, sia ad esclusivo uso medico chirurgo abilitato all'esercizio della professione ed in possesso di specifica formazione post laurea conseguita con le stesse modalità previste dell' Accordo Stato Regioni del febbraio 2013, in quanto considerato atto medico".
La presenza di enti come FISA (Federazione Italiana delle Società di Agopuntura) è fondamentale affinché vengano tutelate le competenze dei medici agopuntori e la sicurezza dei pazienti che si rivolgono a questa medicina. 

Congressi FISA

  • 34° Congresso Internazionale dell' AMAB: Le patologie dell'apparato muscoloscheletrico: "le diverse agopunture" a confronto

  • L’AGOPUNTURA: JEAN MARC KESPI E ALTRE VISIONI INTEGRATE

  • XX CONVEGNO A.M.I.A.R. AGOPUNTURA E MnC NELLO STRESS: PATOLOGIE DEL CORPO E DELLA MENTE

SCARICA APP MYAGOPUNTURA

appstopre

playstore

Eventi Formativi

  • Teoria dei canali e diagnosi palpatoria con le sue possibili applicazioni pratiche: metodologia diagnostica e terapeutica di Wang Ju Yi -Jason D.Robertson

Bandi di Ricerca

  • Premio "Marco Romoli" per la miglior tesi in Agopuntura

  • Rassegna stampa

Newsletter

Federazione Italiana delle Società di Agopuntura
P. IVA: 97054090580

info@agopuntura-fisa.it

 

Seguici su:

icon facebook 184x184